La sindrome del regalo

17:52 3 Comments A+ a-

Trai mali frivoli peggiori che ultimamente stanno turbando la mia precaria stabilità psichica ci sono piccole e innocenti confezioni, decorate con carte di dubbio gusto e fiocchi che Moira Orfei poi ricicla per fare sobri gioielli e acconciature: sì, parlo dei regali. Essendo una giovine donnina di 21 anni il materialismo è un po' insito in me, quindi, ovviamente, adoro ricevere regali, anche le cagate, non perchè voglia diventare la prossima protagonista di Sepolti in Casa, bensì perchè, nella mia visione distorta del mondo, un regalo non è un obbligo ma un pensiero, significa che son stata pensata, insomma, che sia un cavatappi a forma di giraffa o le Lelly Kelly che s'illuminano mentre cammino, io son sempre con il sorriso a 80 denti. Prendetela come una forma di demenza (alcuni potrebbero scambiarla con forme astruse di paresi facciale) o come superficialità, ma ora sapete che se sorrido perchè mi avete regalato un paio di calzini spaiati è perchè un motivo c'è, ma andiamo a noi. Io odio DOVER fare i regali, mi spiego meglio, io detesto dover fare i regali per un'occasione specifica. Compleanni, Natale, cresime, anniversari, battesimi, dichiarazioni d'ateismo, ritrovamento della fede e tutte quelle cose che ormai il genere umano ha deciso che debbano essere festeggiate. Non è un discorso economico, è che nel momento in cui mi trovo a fare un regalo per ste robe io mi blocco e ragiono in funzione dei "se" e dei "ma", insomma, la psicosi più assoluta. Io sono un'ottima pensatrice di regali, ma nei momenti sbagliati, o meglio, io amo fare i regali su ispirazione, quelli a colpo sicuro perchè hanno una motivazione e non sono per un evento prestabilito. Sì, ok, sono demente. Adesso che si avvicina il Natale questa terribile sindrome sta prendendo forma sempre più. Cosa regalerò per i pochi regali che ho deciso di fare? La gente mi sbraiterà in faccia lanciandomi simpatici regali di sopra? Ovviamente spero di no, anche perchè ho fatto una specie di wishlist, e vorrei ricevere qualcosa anche io prima di morire, anzi, se mi avete inclusa tra i vostri pensieri (ciao amiGi) potete spulciare qui idee che mi farebbero piacere, sempre che non abbiate idee più geniali da mettere in atto. Ecco, dopo aver fatto questa sorta di lista nozze per il matrimonio con me stessa, mi chiedevo... Sono l'unica afflitta da queste sindrome o possiamo farci su una Onlus tutti insieme? Anche voi avete spasmi incontrollati, tremori, lacrimazione, vomito, eruzioni cutanee e segni di demenza al solo sentire la frase "dobbiamo fare un regalo"? Let me know.
Follow my blog with Bloglovin

3 commenti

Write commenti
yuki
AUTHOR
5 dicembre 2012 19:06 delete

Io ODIO dover fare regali. Ogni anno mi viene l'angoscia, quando avevo il fidanzato pensavo a ogni occasione di lasciarlo per poi riprendermelo subito dopo le feste. Odio.

Reply
avatar
laprugna
AUTHOR
5 dicembre 2012 19:17 delete

Ecco, la mia unica fortuna è non averlo, un tedio in meno.

Reply
avatar
Mareva
AUTHOR
5 dicembre 2012 19:20 delete

Non sei sola. Puoi respirare. E tornare a vivere.
Succede così anche a me. Di solito, proprio per questo motivo, a Natale me la cavo con delle cagate mentre il meglio di me lo dò ai compleanni (che non mi mettono ansia, anzi) e in giorni casualissimi come il 31 di febbraio.

Reply
avatar